Piattaforma di Whistleblowing

SEA Energia S.p.A. considera fondamentale il rispetto, segnatamente da parte di tutti i propri stakeholder, dei principi etici che ispirano il proprio operato e che sono stati individuati, tra l’altro, nel Codice di Condotta approvato dalla società; analogamente, considera imprescindibile il rispetto di tutte le disposizioni normative applicabili. In tale ottica, la Società ha implementato un sistema di gestione delle segnalazioni di fatti illeciti o contrari ai principi etici anzidetti (c.d. “Whistleblowing”) che consiste in una piattaforma informatica –il cui supporto tecnico è affidato a primario operatore del settore – per l’invio delle segnalazioni da parte di tutti i soggetti interessati (dipendenti, collaboratori, consulenti, fornitori e ogni altro soggetto terzo che intrattenga una relazione o svolga attività per conto e/o nell’interesse di SEA Energia.

La Piattaforma garantisce la riservatezza dei dati personali inseriti e del contenuto delle segnalazioni, in particolare, dei dati personali e dell’identità del segnalante, fatti salvi eventuali obblighi di legge.

SEA Energia si impegna a rispettare altresì la normativa applicabile vigente di volta in materia di protezione dei dati personali.

La piattaforma è collocata in un sito esterno e l’accesso non viene tracciato.

Come accedere alla Piattaforma

La piattaforma per l’invio delle segnalazioni è accessibile al seguente link
(per l’accesso alla Piattaforma sono richiesti i browser: Internet Explorer - versione 10 o superiore; Google Chrome)

All’accesso il segnalante dovrà preliminarmente selezionare la società per la quale intende effettuare la segnalazione (SEA, SEA Energia, SEA Prime), successivamente potrà procedere secondo le istruzioni proposte all’interno della piattaforma.

Al termine della compilazione la piattaforma rilascerà al segnalante un codice - non più reperibile dopo l’invio della segnalazione - da conservare a sua cura; tale codice consentirà, al solo segnalante, di verificare in qualsiasi momento lo stato della segnalazione nonché di comunicare all’organo competente eventuali ulteriori informazioni o documenti utili all’accertamento dei fatti segnalati.

Cosa segnalare e a chi indirizzare la segnalazione

Le segnalazioni possono essere inviate ad uno dei seguenti organi competenti - ciascuno avente in piattaforma un distinto canale di accesso - in relazione allo specifico contenuto della segnalazione:

  • Comitato Etico:

Per segnalazioni relative a comportamenti in violazione del Codice di Condotta (ad es.: presunti fenomeni di corruzione, conflitti di interessi, utilizzo improprio dei beni aziendali o negligenza nell’utilizzo degli stessi). Per la casistica completa, consultare il Codice di Condotta SEA ENERGIA al seguente link

  • Organismo di Vigilanza:

Per segnalazioni relative alla presunta commissione di reati contemplati dal decreto legislativo 231/2001 (ad es. reati ambientali, violazioni delle norme a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, reati ai danni dello Stato o di altro Ente pubblico, etc.) ovvero per la mancata osservanza di procedure aziendali. Per l’elenco completo dei reati previsti dal decreto legislativo 231/2001, consultare il Modello di Organizzazione e Gestione ex decreto legislativo 231/2001 SEA Energia - Parte Generale, al seguente link

Il Comitato Etico e l’Organismo di Vigilanza per l’attività istruttoria del processo di gestione delle segnalazioni ricevute possono avvalersi della direzione aziendale Auditing SEA.

  • Auditing SEA:

Per tutte le “altre” segnalazioni, non rientranti nell’ambito di competenza degli organi succitati, a titolo esemplificativo, inosservanza di clausole contrattuali o eventuali altri casi.

  • Presidente del Comitato Controllo, Rischi e Sostenibilità:

Esclusivamente nei casi in cui la segnalazione afferisca ad una condotta della direzione aziendale Auditing di SEA o nei casi in cui Auditing abbia un interesse, ancorché potenziale, in relazione ai fatti oggetto della segnalazione, tale da comprometterne l’imparzialità e l’indipendenza di giudizio.
Per comunicazioni di carattere commerciale o operativo (ad es.: reclami, informazioni commerciali, etc.) sono disponibili appositi canali dedicati ed indicati sul sito internet della Società.

Riservatezza sull’identità del segnalante e sul contenuto delle segnalazioni

La segnalazione viene gestita dagli organi competenti in modo che vengano garantite la riservatezza sui dati personali e sui contenuti della segnalazione, in particolare, sull’identità del segnalante che, qualora dichiarata, non verrà rivelata, salvi i casi previsti da disposizioni normative.

Nel corso del processo interno di accertamento dei fatti oggetto della segnalazione, verrà garantito ogni diritto del segnalato e, in nessun caso, sarà avviato, nei suoi confronti, un procedimento in assenza di concreti riscontri sulla veridicità e sulla fondatezza della segnalazione.

Il segnalante sarà tutelato - in ogni momento, sia durante il processo di gestione della segnalazione, sia successivamente - dall’eventualità che vengano dirette contro la sua persona misure sanzionatorie, discriminatorie, ritorsioni di qualsivoglia natura, direttamente o indirettamente conseguenti o connesse alla segnalazione effettuata.

In particolare, ove il segnalante sia un dipendente della Società - al di fuori dei casi di responsabilità per dolo o colpa grave ovvero al di fuori delle ipotesi di calunnia o diffamazione o altresì nei casi di segnalazione effettuata in mala fede - è espressamente vietata l’applicazione di qualsivoglia sanzione o misura discriminatoria, disciplinare e/o gestionale ritorsiva, direttamente o indirettamente connessa alla segnalazione.

SEA Energia si riserva espressamente ogni azione a tutela dei propri interessi, diretti ed indiretti, in caso di segnalazioni effettuate in malafede ovvero diffamatorie o calunniose, dalle quali possa derivare danno o pregiudizio di qualsivoglia natura ai propri dipendenti, ai membri dei suoi organi sociali o a terzi in relazione d’affari con la Società. Il sistema disciplinare di SEA Energia prevede sanzioni per chi effettui con dolo o colpa grave segnalazioni che si rivelino non veritiere o infondate.

Per accedere alla Piattaforma Whistleblowing
(per l’accesso alla Piattaforma sono richiesti i browser: Internet Explorer - versione 10 o superiore; Google Chrome)