Tecnologie

Per creare energia SEA Energia si avvale di tre diverse tecnologie di produzione: cogenerazione, cicli semplici/combinati, trigenerazione.

 

animazioneTrigenerazione

SEA Energia crea energia elettrica e termica attraverso diverse tecnologie di produzione, così definite:

Cogenerazione

Il ciclo combinato cogenerativo è una tecnologia di produzione di energia elettrica ad alto rendimento e ad impatto ambientale particolarmente ridotto.

Un impianto di cogenerazione permette di ottenere contemporaneamente energia elettrica ed energia termica. Quest'ultima può essere sfruttata in un ciclo semplice, per riscaldare o refrigerare acqua o aria (attraverso macchine ad assorbimento) o produrre altra energia elettrica utilizzando il calore prodotto in una turbina a vapore. Questo fa sì che il rendimento energetico complessivo del ciclo cogenerativo sia più alto rispetto alla produzione separata di energia elettrica e calore come avviene nei cicli tradizionali di produzione elettrica/termica.

Cogenerazione

Con l'impianto convenzionale, per avere la stessa quantità di energia uscente (45+38), è necessario fornire un incremento dell'energia entrante pari al 48%.

I vantaggi ambientali della cogenerazione sono legati anche al tipo di combustibile utilizzato, trattandosi in genere di gas naturale, costituito per l’80-99% da metano, il più “pulito” tra i combustibili fossili. La sua composizione, più ricca di idrogeno e più povera di carbonio rispetto agli altri idrocarburi, consente di avere minori emissioni di anidride carbonica (CO2), a parità di energia prodotta. La quasi totale assenza di zolfo permette inoltre di evitare la presenza di ossidi di zolfo nei fumi.

Nella combustione di gas naturale la formazione di ossidi di azoto (NOX) è imputabile soprattutto all’ossidazione ad alte temperature dell’azoto contenuto nell’aria comburente.

L’utenza energetica aeroportuale è caratterizzata dal fabbisogno contemporaneo di energia elettrica, termica e frigorifera; la cogenerazione costituisce quindi la soluzione ideale per tali esigenze, contribuendo, tra l’altro, a rendere piu affidabile l’alimentazione elettrica, requisito indispensabile per una installazione aeroportuale.

Cicli semplici/combinati

I sistemi di cogenerazione sono vari:

  • Motori diesel/motori a gas: da cui viene recuperato il calore dei fumi di scarico e dei circuiti ausiliari (olio, acqua raffreddamento).
  • Turbine a gas: dove la gran quantità di gas di scarico ad alta temperatura viene convogliata in una caldaia a recupero per la produzione di acqua surriscaldata o vapore.
  • Turbine a vapore a contropressione: alimentate con vapore surriscaldato che viene poi scaricato a bassa pressione dalla turbina per alimentare utenze termiche.

Con riferimento alle sole turbine a gas, i combustibili utilizzati sono di solito idrocarburi liquidi e gassosi come il gas metano. I sistemi di combustione sono caratterizzati da un elevato eccesso d'aria e di tecnologie per l'abbattimento degli inquinanti (NOX) che producono un minor impatto ambientale. La scelta della cogenerazione produce alcuni effetti positivi e negativi.

A favore troviamo:

  • L'elevato rendimento che si traduce in un minor consumo di combustibile con conseguente minor impatto ambientale (riducendo le quantità di CO2 immesse in atmosfera) e la tutela delle risorse energetiche naturali.
  • La possibilità di accedere a finanziamenti previsti dalle leggi che disciplinano il piano energetico nazionale al pari dell'energia prodotta in impianti eolici, solari o geotermici.

Per contro occorre tenere presente che:

  • Le utenze termiche devono essere il più vicino possibile all'impianto di produzione per contenere i costi delle reti di distribuzione in genere molto elevate
  • Una gestione conveniente del processo richiede un utilizzo massimale del calore e dell'energia elettrica con prelievi costanti nel tempo
  • L'utenza aeroportuale soddisfa appieno tutte queste necessità avendo una domanda energetica elevata, costante nel tempo e vicino agli impianti di produzione

Trigenerazione

E' il sistema di produzione congiunta di energia elettrica, termica e frigorifera. Il termine richiama immediatamente la cogenerazione che, come abbiamo detto, consente la produzione combinata di energia elettrica ed energia termica mediante la medesima combustione recuperando il calore altrimenti perso a valle del processo. La trigenerazione unisce a queste due funzioni anche quella di condizionamento dell'aria e di raffrescamento.

Il raffrescamento è prodotto tramite l'impiego del ciclo frigorifero in grado di trasformare l'energia termica in energia frigorifera realizzando la trasformazione di stato del fluido refrigerante (acqua) in combinazione con la sostanza (bromuro di litio).

L'acqua refrigerata così ottenuta può essere utilizzata per il condizionamento degli ambienti. Come per i sistemi di cogenerazione anche la trigenerazione offre grandi risparmi energetici dovuti alla produzione congiunta di energia elettrica, calore e raffrescamento.

L'impianto di trigenerazione trova utile applicazione per l’utenza aeroportuale che presenta i requisiti ottimali per il soddisfacimento di richieste simultanee di energia elettrica, termica e frigorifera. La trigenerazione non riduce le emissioni inquinanti ma raggiunge tre grandi vantaggi competitivi:

  • Maggiore rendimento della combustione rispetto alle grandi centrali termoelettriche;
  • Produzione congiunta e contemporanea di tre diverse forme di energia;
  • Ottimizza fumi e calore di scarico altrimenti perduti.

La scelta di produzione combinata di energia elettrica e termica è finalizzata al raggiungimento dei seguenti obiettivi

  • Sicurezza e continuita' di esercizio grazie all'autoproduzione dell'intero fabbisogno elettrico ricorrendo alla rete nazionale solo per coprire eventuali punte o per soccorso.
  • Affidabilita' operativa di esercizio poiche' l'autoproduzione elettrica fornisce conseguentemente anche tutta l'energia termica e frigorifera realizzando una gestione ottimale delle risorse energetiche.
  • Configurazione d'impianto di tipo modulare estremamente flessibile in grado di adeguarsi alla necessita' di esercizio sia attuale che futura.